10 consigli utili per aumentare le vendite della tua azienda

Le aziende italiane a partire dal 2008 stanno vivendo un periodo di profonda crisi. Complice in generale la grande depressione dell’economia globale che, a partire da quell’anno, ha colpito particolarmente duro un po’ tutti i sistemi economici del mondo. Le aziende sono quindi, a maggior ragione, costrette ad aumentare i propri fatturati.
Ma in che modo le imprese possono incrementare i fatturati? Qui di seguito proviamo a dare alcuni validi consigli che pensiamo possono essere di aiuto.

1. Visitate più frequentemente i clienti già acquisiti

Sembrerà una cosa banale, ma i clienti già acquisiti sono un patrimonio inestimabile. Molto spesso si danno per scontati e sono poche le aziende che si ricordano di loro. Tutti i commerciali sono presi dal cercare sempre nuovi clienti e a volte non pensano al potenziale che quelli vecchi rappresentano. Il più delle volte, poi, i clienti vengono persi perché l’azienda non instaura una comunicazione continua e soprattutto di valore con loro. In molti casi, basterebbe mandare ai clienti già acquisiti delle offerte ad hoc, oppure ricordare loro che l’azienda ha sviluppato nuovi servizi o commercializza nuovi prodotti. In fondo basta poco: anche una semplice telefonata mantiene caldo il contatto e non fa sentire il cliente abbandonato a se stesso. Immaginate l’aumento di fatturato che si avrebbe se si facesse questo tipo di attività su ogni vecchio cliente: valutate il fatturato, anche piccolo, che si otterrebbe da ogni cliente acquisito e moltiplicatelo per tutti gli altri. Da queste semplici attività è possbile ottenere importanti incrementi di fatturato!

2. Restate focalizzati sulle politiche di acquisizione di nuovi clienti

Inutile nasconderlo: per la legge dei grandi numeri, più nuovi potenziali clienti si visitano, maggiori contatti si creano e, quindi, più possibilità di concludere una vendita si hanno. Senza considerare il fatto che il brand si rafforza, perché un numero sempre maggiore di persone ne viene a conoscenza e la sua notorietà si diffonde. Utilizzate per il raggiungimento di questo obiettivo strumenti di inbound marketing e outbound marketing. L’essenziale è generare contatti e, quindi, avere poi a disposizione un corposo e organizzato data base sul quale andare a fare una call to action.

3. Continuate a mettere in campo azioni promozionali

In tempi di crisi la gran parte delle aziende cosa fa? Probabilmente la cosa più sbagliata che si possa pensare, cioè tagliare drasticamente le spese pubblicitarie. Niente è più errato poiché le attività di advertisement e promozionali non devono considerarsi dei costi, ma degli investimenti! Si entra in un loop negativo dal quale è difficile uscire: meno pubblicità significa meno persone che conoscono la vostra attività con i beni e i servizi che potreste fornire loro e di cui hanno bisogno, riflettendosi poi negativamente sulle
vendite e sui fatturati che andranno ancor più a ridursi e così via. Semmai, quella che va fatta è una scelta oculata delle attività promozionali da portare avanti. Certamente il web in questo momento offre risultati più misurabili rispetto alla generica pubblicità radio o ai volantini stampati. E anche le attività strutturate sui social network garantiscono dei risultati soddisfacenti in termini di aumento di fatturato. Oggi poi non è più necessario investire grosse cifre in pubblicità: bastano anche poche e mirate attività, ben studiate.

4. Offrite dei bonus per acquisti corposi

Questa strategia funziona con i clienti che regolarmente acquistano un quantitativo fisso di prodotti. Nel momento in cui acquistano un quantitativo superiore, fategli un regalo. Offritegli in omaggio un certo quantitativo di prodotto che acquista normalmente. In questo modo non solamente si sentirà gratificato, ma per gli acquisti successivi sarà invogliato a fare un ordine sempre quantitativamente alto.

5. Stipulate accordi commerciali con i vostri fornitori

E’ importante che i vostri fornitori vi riconoscano degli sconti oppure degli stock di merce omaggio da poter regalare ai vostri clienti. In questo modo, potrete rigirare questi sconti o questi prodotti omaggio ai vostri stessi clienti. Il vostro brand si rafforzerà, ne guadagnerete moltissimo in pubblicità e, grazie al passaparola, acquisirete nuovi clienti e, quindi, fatturato. Il costo di un’attività promozionale di questo tipo non graverà sul vostro bilancio e la vostra immagine ne uscirà rafforzata.

6. Create un programma fedeltà

Come abbiamo più volte detto, i clienti vanno fidelizzati perché rappresentano un bacino di fatturato cui non si deve rinunciare mai. Mettete in pista un programma fedeltà che incentivi i clienti a tornare da voi piuttosto che andare dai vostri competitors. Ragionate se sia meglio creare una raccolta punti piuttosto che un’estrazione a premi. L’essenziale è che il cliente percepisca il reale vantaggio che gli deriva nell’acquistare regolarmente ed esclusivamente i vostri prodotti. Anche l’accumulo dei punti finalizzato ad ottenere sconti è
un’ottima soluzione: lo scopo è quello di legare il cliente alla vostra azienda.

7. Non trascurate il "vecchio" passaparola

Esiste miglior testimonial per la vostra azienda di una persona che è già vostra affezionata cliente? Noi pensiamo di no. Chi meglio di un cliente soddisfatto, che conosce la vostra impresa e ne apprezza i prodotti o i servizi, può consigliarli a qualcun altro che ancora non li conosce? Il passaparola rimane uno degli strumenti più efficaci di pubblicità. Soprattutto perché chi ha sperimentato un prodotto e lo apprezza, sarà molto più credibile agli occhi di chi ancora non lo ha provato. E poi, i clienti più fedeli conoscono anche coloro che potrebbero essere interessati. Perché non sfruttare allora questa opportunità? Basta chiedere ai clienti di consigliarvi a conoscenti e parenti, pubblicizzandovi in maniera adeguata, ricambiando questa pubblicità, ad esempio, con dei gadget, oppure con degli sconti sui prossimi acquisti, oppure ancora con un prodotto o un servizio gratuito. In un certo periodo di tempo avrete aumentato il numero dei clienti e il fatturato.

8. Migliorate la presentazione del prodotto

Il packaging di un prodotto resta importantissimo. Molto spesso sviluppano fatturati superiori aziende con un prodotto mediocre ma ben confezionato, piuttosto che aziende con un prodotto superiore ma che si presenta peggio. Ponete l’accento sull’estetica dei vostri prodotti e fate in modo che siano accattivanti. Spesso per aumentare le vendite basta presentarsi con una bella confezione e il gioco è fatto. Se poi la vostra azienda vende servizi, curate gli aspetti collegati alla loro presentazione, come le brochure, il materiale
informativo cartaceo, ma anche l’abbigliamento del venditore: tenete sempre a mente che un cliente inizialmente non acquista solo il servizio ma soprattutto colui che glielo vende.

9. Spingete sulle vendite incrementali

Avete presente quando siete al bar e, mentre state pagando il caffè, vi offrono anche di acquistare il cornetto oppure la spremuta per una lieve maggiorazione di prezzo? Bene, siete di fronte alla cosiddetta vendita aggiuntiva. E’ una strategia utilizzata dalle aziende per vendere più prodotti incrementando il fatturato.
Normalmente, considerato che la maggiorazione di prezzo è lieve, il cliente accetta e così l’azienda aumenta i volumi di vendita. Questa è una strategia che si usa per aumentare le vendite, può essere adottata praticamente per ogni bene e servizio, occorre semplicemente avere un po’ di creatività. Spiegate ai vostri commerciali che attuando questa prassi i fatturati possono incrementarsi considerevolmente nel medio termine.

10. Organizzate riunioni periodiche con i vostri collaboratori

E’ importante ascoltare i collaboratori: loro sono quasi sempre in prima linea, visitano i clienti e recepiscono moltissime informazioni ogni giorno. Rappresentano certamente una risorsa per apportare miglioramenti nell'organizzazione, hanno spesso idee e suggerimenti che possono aiutare ad incrementare vendite e fatturati. Consigliamo con fermezza a tutte le organizzazioni di fare periodicamente delle riunioni per ascoltare i collaboratori, con lo scopo di tirar fuori strategie vincenti e idee valide per essere sempre aggiornati sulle esigenze dei clienti e le novità della concorrenza.

Conclusioni
Possiamo concludere dicendo che le aziende possono incrementare il fatturato anno dopo anno, anche in periodi di vacche magre. Ma occorre attuare le giuste strategie di marketing, cambiare, se necessario, quelle abitudini che si sono seguite per anni, alimentare la creatività e, aspetto da non trascurare, avere commerciali sempre pronti a seguire le nuove direttive.

Stay tuned

Il Team